Basta zap! Come eliminare la carica elettrostatica.

È successo anche a voi, vero? Magari era una giornata di forte vento, oppure era inverno e il riscaldamento di casa aveva reso l’atmosfera della vostra stanza molto secca. Avete toccato un oggetto qualsiasi – il pomolo della porta, la portiera della vostra auto – e avete ritratto improvvisamente la mano dolorante, come se foste stati inaspettatamente punti da qualcosa, probabilmente con un’esclamazione che esprimeva tutto il vostro stupore – e disappunto.

Probabilmente sapete bene che quello che è successo è stato semplicemente un fenomeno fisico banale, una piccola scossa (ancorchè, ahimè, dolorosa) dovuta all’accumulo di carica elettrostatica sugli oggetti.

Ma come evitare che si ripeta? Pur non essendo grave non p di sicuro un’esperienza desiderabile. Ecco qualche utile consiglio:

1. Elevate il livello di umidità dell’ambiente. Nell’atmosfera secca, gli elettroni vengono strappati più facilmente agli oggetti, il che porta a un maggior accumulo di carica elettrostatica sulla loro superficie. Sarà sufficiente utilizzare un umidificatore.

2. Cambiate abbigliamento. La maggioranza degli abiti che normalmente indossiamo, oggigiorno, è composta di fibre sintetiche; queste, purtroppo, tendono ad accumulare carica statica molto facilmente (i primissimi pigiami in materiale sintetico , di notte, emettevano rumore di scosse ad ogni movimento, e a volte addirittura piccole scintille!) Passate alle fibre naturali, che sono molto meno portate a questo accumulo.

3. Provate scarpe diverse. Se il problema è molto grave, potete servirvi di speciali calzature conduttive, originariamente sviluppate per chi opera nel campo dell’elettronica, dove una carica elettrostatica potrebbe distruggere un circuito. Si trovano in vendita sui canali specializzati.

4. Idratate le vostre mani. Sempre nel campo degli operatori nell’industria elettronica, sono state sviluppate apposite lozioni per idratare le mani, il che ne abbassa immediatamente la carica elettrostatica. Provate ad applicarle quando il problema si fa più serio, se avete la pelle molto secca.

5. Scaricate a terra la vostra carica elettrostatica il più possibile. Un buon metodo è quello di portare sempre con voi una moneta, o addirittura un ditale infilato all’indice, e usarlo per toccare quanto più spesso possibile degli oggetti metallici che vi facciano da “messa a terra”.