Come acquistare la perfetta scarpa da ginnastica

Quando usiamo l’espressione “scarpa da ginnastica”, ci riferiamo in realtà a molti modelli di scarpa diversa: quella da tennis, da corsa, da calcio… ogni sport ha la sua scarpa. Ma ancora più importante, ogni piede ha la sua scarpa: e infatti acquistare una scarpa per attività sportive richiede una misurazione accurata e una valutazione seria e competente. Non è un acquisto semplice, e nemmeno economico: una volta identificato il proprio budget, è necessario cercare la migliore scarpa che è possibile comprare rispettandolo. Per questo, possono essere utili i seguenti consigli:

Come si sono consumate le vostre vecchie scarpe?
Nessun oggetto può darvi migliori indizi su quale tipo di scarpa acquistare rispetto al paio di scarpe che avete usato fino ad oggi: il modo in cui si sono consumate vi dirà come tendete ad appoggiare il piede, e questo è un dato fondamentale per un giusto acquisto. Prendiamo un esempio base, il tallone: se si consuma sul lato esterno, la vostra camminata è caratterizzata da Inversione, e quindi vi occorrono scarpe con forte imbottitura e soletta morbida, che favoriscano il movimento di un piede di per sé piuttosto rigido. Per contro i corridori con Eversione, ossia quelli i cui talloni si consumano all’interno, hanno bisogno di maggiore stabilità e support, e di scarpe più rigide, con soletta in poliuretano e inserti in gomma-carbone.

Esaminate sempre accuratamente le nuove scarpe
Basta poco a rendere scomoda una scarpa nuova: un piccolo difetto è sufficiente. Controllate che le cuciture non si stiano disfando, e che non sporgano in punti che potebbero infastidirvi: alla lunga, potrebbero crearvi irritazioni o anche lesioni. E controllate sempre che le suole non tendano minimamente a separarsi: se lo fanno, la scarpa sicuramente non è di buona qualità.

Provate sempre taglie diverse
La taglia indicata sull’etichetta significa ben poco, per una scarpa. Da fabbricante a fabbricante, e perfino da modello a modello, il significato esatto di una taglia varia in modo significativo. Partite dal consiglio di un commesso qualificato, ma poi controllate anche taglie superiori e inferiori: quello che conta è che la scarpa vi calzi davvero a pennello, e che la sentiate comoda sul piede. Inoltre provate sempre entrambe le scarpe: i piedi non sono identici e dovete assicurarvi di sentire comode sia la destra che la sinistra.

Comprate le scarpe di sera
Pare una battuta di spirito: ma in realtà, per molte ragioni fisiologiche e ambientali, le dimensioni del piede possono variare anche del 5% lungo la giornata, mano a mano che i piedi si gonfiano. Al mattino il vostro piede è più piccolo della media, e rischiate che quello che sembrava calzare perfettamente si riveli stretto alla sera. Meglio prendere le misure quando il piede è più gonfio, così da non avere brutte sorprese.