Cosa sono e come funzionano i cilindri pneumatici e oleodinamici?

Le aziende che producono inserti per materiali che poi faranno parti di prodotti finiti composti, si dicono aziende specializzate. Esistono diverse aziende specializzate nel nostro Paese, che realizzano questo genere di componenti per il settore privato o industriale: fra le lavorazioni più complesse, ma anche essenziali per il corretto funzionamento di dispositivi più grandi e dalla resa migliore, vi sono i pistoni (chiamati anche cilindri) oleodinamici o pneumatici.

Cosa sono i cilindri pneumatici e come funzionano?

I cilindri idraulici sono dei pistoni, che si occupano di muovere le parti meccaniche di un dispositivo industriale canalizzando la forza di un gas, in questo caso specifico dell’aria. L’aria, che in questo caso ha caratteristica di essere compressa, è un tipo di ga comprimibile, che quindi modifica il suo volume se spinta da una pressione, diminuendo lo spazio di occupazione, la spinta che ne deriverà una volta tolta la pressione sarà quantizzata fino a 4 tonnellate di peso.
I cilindri pneumatici, che utilizzano l’aria compressa come forza principale, hanno delle forme e dei materiali di costruzione standard, resi note dalle norme ISO, ma possono essere anche personalizzati a seconda del bisogno.

Cosa sono i cilindri oleodinamici e come funzionano?

I cilindri oleodinamici, com’è facilmente intuibile dall’aggettivo associato, funzionano canalizzando l’azio della spinta per mezzo di una sostanza liquida, più precisamente dell’olio. Questo liquido, che per natura è incomprimibile, cioè non modifica in alcun modo il suo volume se sottoposto ad una pressione, rilascia una forza che supera anche di 30 volte quella dei cilindri pneumatici, arrivando a sostentare un meccanismo con 120 tonnellate di peso.
Anche per queste speciali tipologie di componenti, le normative ISO identificano gli standard di produzione in merito a dimensioni e materiali utilizzati, ma sono possibili personalizzazioni in tal senso.

Come personalizzare il cilindro?

Se le misure dettate dagli standard ISO non risultano soddisfacenti, o se i materiali che preferiamo impiegare non sono quelli solitamente utilizzati per conto degli standard, è possibile ordinare la costruzione di un cilindro pneumatico o oleodinamico personalizzato: visitando il sito https://www.zeminian.com/cilindri-oleodinamici-e-pneumatici, si può accedere alla sezione dedicata alla simulazione in 2D ed in 3D del proprio cilindro personalizzato, così da gestire in modo consapevole misure e materiali, e proseguire con l’ordinazione direttamente sulla stessa piattaforma internet.

Altre tipologie di cilindro ordinabili

Sullo stesso sito descritto sopra, vi sono anche diverse tipologie più specifiche di cilindri e pistoni idraulici, che sono facilmente consultabili nell’elenco in basso a sinistra. Questi prodotti, che rispondono ad esigenze specifiche in merito a particolari componenti per macchine industriali, possono avere diversi settori di impiego.

I cilindri con bloccastelo di tipo pneumatico sono infatti utilizzati nella costruzione dei sistemi di apertura dei lucernari, oppure nelle macchine ad iniezione verticale, perché vengono regolati secondo il principio per il quale il pistone non debba modificare la sua situazione di pressione, nel caso in cui venga a mancare una parte della spinta necessaria al mantenimento della movimentazione. Il blocco che regola questo meccanismo viene costruito affinché il pistone non soffra di cali di prestazione improvvisi, avvolgendolo.

I cilindri a doppio effetto sono invece dotati di due tubi, attraverso i quali fluisce in modo separato il liquido che si occupa della spinta alla movimentazione, permettendo che si possa muovere in entrambe le direzioni indistintamente. Questo rende questa componente essenziale nei settori della robotica, la tranciatura lamiera, la saldatura o lo stampaggio.

Ambiti di applicazione dei cilindri pneumatici ed oleodinamici

Abbiamo insomma compreso come queste componenti, personalizzabili nelle dimensioni e nel materiale di costruzione, siano un punto importante nell’assemblaggio di macchine di tipo industriale e come la qualità dello studio ingegneristico che vi è dietro, determini la qualità della catena meccanica immediatamente successiva dedicata alla produzione.
Gli ambiti di applicazione possono essere i più svariati e le componenti derivanti sono altrettanto importanti, quindi è giusto che abbiano un’azienda specializzata e dall’esperienza pluriennale alle spalle.